Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi


Lucia Codurelli

Eletta deputata de l'Ulivo il 9 e 10 aprile 2006 nella circoscrizione Lombardia 2.
Ha fatto parte della Commissione Lavoro e previdenza. Impegnata in prima persona alla costruzione del Partito Democratico e dopo la breve esperienza Parlamentare, viene rieletta nel 2008 nella lista del PD Lombardia 2, terminata l'esperienza il 14 marzo 2013.

Nata Teglio (Sondrio) il 23 luglio 1950. Si trasferisce giovanissima a Mandello (15 anni) dove inizia la vita lavorativa presso l'albergo "Grigna" e, dopo cinque anni, con l'assunzione al Tubettificio Ligure (successivamente Tubettificio Europeo) vi lavora ininterrottamente sino al 2001, inizia l' impegno sindacale e politico.

Maggiori informazioni su Lucia Codurelli.

Cookie policy
Chi è Lucia Codurelli?

Eletta deputata de l'Ulivo il 9 e 10 aprile 2006 nella circoscrizione Lombardia 2. Ha fatto parte della Commissione Lavoro e previdenza. Impegnata in prima persona alla costruzione del Partito Democratico e dopo la breve esperienza Parlamentare, viene Rieletta nel 2008 nella lista del PD Lombardia 2, terminata l'esperienza il 14 marzo 2013.
Nata Teglio (Sondrio) il 23 luglio 1950. Si trasferisce giovanissima a Mandello (15 anni) dove inizia la vita lavorativa presso l'albergo "Grigna" e, dopo cinque anni, con l'assunzione al Tubettificio Ligure (successivamente Tubettificio Europeo)  vi lavora ininterrottamente sino al 2001, inizia l' impegno sindacale e politico.

Delegata di fabbrica dal 1972 fino al termine del rapporto di lavoro, da sempre iscritta alla CGIL, ha anche fatto parte del Comitato Centrale della categoria metalmeccanici (FIOM). Precoce è anche la scelta del matrimonio e nel '73 diventa madre di Violen.

Nel 1974 partecipa attivamente alla campagna per il referendum sul divorzio e nell'80 per la difesa della legge 194 (per una maternità libera e consapevole). Sono anni di intenso impegno civile che fanno maturare, anche nelle relazioni affettive e interpersonali, decisioni importanti per l'affermazione dell'indipendenza e della propria autonomia, con la separazione e il divorzio. Una scelta non facile ma l'affetto della figlia e la solidarietà importante delle amiche l'hanno aiutata a superare ogni difficoltà. Anni che l'hanno portata all'impegno politico istituzionale. 
Nelle fila del partito (PCI) diventa segretaria della locale sezione (dal 1983 al 1991)
 e affronta la prima esperienza istituzionale, diventando nel 1980 consigliera comunale a Mandello. Mandato che assolverà sino al 1992, quando si trasferisce ad Olginate, e lì continua l' esperienza istituzionale in seno al Consiglio comunale di Olginate dal 1996 al 2001, mentre fino al 2004 ricopre il ruolo di responsabile della locale sezione dei Democratici di Sinistra.

Dal 1996 al gennaio 2005 ricopre anche la carica di responsabile delle donne per la Federazione, inoltre dal 2001 anche responsabile dell'organizzazione della Federazione.

Nel 2004, in occasione del 3° Congresso dei Democratici di Sinistra provinciale, viene eletta segretaria della Federazione, incarico ricoperto sino a dicembre 2006. Partecipa attivamente alla costruzione del Partito Democratico e fa parte dell ’Assemblea e della Direzione.

Un grosso grazie va alla  figlia Violen e al marito Giovanni per averla sempre aiutata e supportata. Nei pochi momenti liberi ama fare due cose: ritornare in Valtellina e camminare a lungo tra le montagne, anche alla ricerca di funghi, e stare il più possibile con gli adorati nipoti Matilde, Filippo e Giacomo  ai quali vorrebbe trasmettere questo amore per i luoghi dove è nata e anche l’amore e l’impegno per il nostro paese che ne ha un gran bisogno.

Potete contattarmi a: lucia@luciacodurelli.it

Il Fondo Zanetti

Il Fondo Zanetti è nato su iniziativa di Lucia Codurelli, con un contributo iniziale di 50 mila euro, finalizzato a dare risposte concrete al problema della ricostruzione di una autonomia economica, attraverso il lavoro, a donne vittime di violenze.

L’obiettivo, infatti, è di favorire l’inserimento lavorativo di donne in difficoltà, vittime di violenze.

Scarica il pieghevole.

area riservata